HERITAGE VALORISATION, DEVELOPMENT AND PARTICIPATION – HERvald

—–

Composizione dell’Unità

Responsabile:

Professoressa Magda Pedace

email: magdapedace14@gmail.com
t. +39.3387674871

Componenti dell’Unità:

  • Lamberto Poggi (Web designer)
  • Fabrizio Paloni (Project designer)
  • Michela Cozza (Humanities)
  • Zukhra Rakhimova ( Eastern fine arts Academic – Uzbekistan)
  • Giacomo Spaghetti (Russian language and literature)
  • Silvia Cacciatore (Artist)
  • Giulia Pedace (Arts historian)

—–

Descrizione

L’U.R. HERvald (già SPI) nasce nel 2005, e rappresenta per il CIRPS una prima apertura alla ricerca, progettazione e formazione nell’ambito del patrimonio ‘immateriale’ e nei processi di integrazione multiculturale.
La composizione dell’unità è flessibile e risponde alle esigenze e strategie dei progetti di volta in volta attivati.
HERvald è l’Unità CIRPS dedicata alla ideazione, progettazione e gestione di processi mirati alla valorizzazione del patrimonio culturale, nei suoi aspetti di memoria, relazione e creatività, come risorsa viva, elemento dotato di straordinarie potenzialità nella prospettiva della crescita sostenibile di territori di volta in volta identificati.

Attività

  • HERvald mette a punto metodologie mirate a portare a valore le risorse delle comples-se comunità locali e promuoverne la partecipazione, attraverso azioni di sostegno e valorizzazione delle diversità umane e culturali;
  • elabora gli elementi di riferimento per la definizione di modelli multiculturali integrati e per una progettazione adeguata alle identità territoriali in via di trasformazione;
  • disegna e supporta progetti creativi, artistici e musicali, site-specific, con l’obiettivo di esprimere ed integrare le diverse comunità nelle componenti di genere, cultura, religione;
  • produce moduli formativi basati su collaborazioni multi-disciplinari orientate al trasferimento di conoscenza alla instaurazione di processi creativi e alla valorizzazione delle migliori esperienze;
  • attiva network tra le Istituzioni, le comunità artistiche e scientifiche, associazioni ed imprese nel settore artistico e culturale;
  • in ambito internazionale fornisce consulenza ed interviene in piani di cooperazione inter-universitaria con paesi di area emergente.

Settori di interesse della UR

  • Valorizzazione del patrimonio immateriale e sviluppo umano;
  • Scenari multiculturali di cooperazione: le migliori pratiche e strategie di valorizzazione;
  • Ricerca relativa alla attivazione di ecosistemi culturali: casi studio, modelli euristici, paradigmi;
  • Antropologia e sociologia delle arti;
  • Processi di memoria ed evoluzione delle identità culturali;
  • Pianificazione multiculturale per l’integrazione;
  • Patrimonio archeologico e valorizzazione territoriale;
  • Progettazione e attivazione di corsi di alta formazione per esperti e manager del patrimonio (frame: Millennium Development Goals and Millennium Assessment);
  • Cooperazione internazionale e network;
  • Turismo culturale, archeologico, naturalistico e sviluppo del territorio;
  • Antiche e recenti Vie della Seta.

—-

Progetti in corso

CEAIH-Central Asian Intangible Heritage
Progetto di documentazione antropologica e musicale delle tradizioni centro-asiatiche. Ricerca d’archivio e ricerca sul campo in Italia e in Uzbekistan.

Collaborazione CIRPS con Istituto Centrale Beni sonori e Audiovisivo
Collaborazione con Archivio Nazionale della Repubblica dell’Uzbekistan

Risultati condivisi

  • Archivio di documentazione fotografica – Portraits;
  • Archivio sonoro online;
  • Inventari di melodie e danze della tradizione Centro-Asiatica (online);
  • Documentazione e inventario degli strumenti musicali tradizionali dell’area;
  • Realizzazione del primo sito web internazionale di documentazione del patrimonio culturale Centro-Asiatico (intangible heritage);
  • Eventi di comunicazione e disseminazione in Italia e in Uzbekistan.

 

TEMUR-PRO
Progetto di ricerca internazionale interculturale

Finanziamento: MIUR, MIBACT – Culture Ministry of Uzbekistan

Un ambizioso progetto con molte sfaccettature, basato su Accordi e MOU istituzionali, avviato nel 2008 e tuttora attivo nella fase di disseminazione.

Originariamente ispirato alla figura di Temur il Grande (sec XIV), il progetto incontra la tendenza delle Repubbliche post-sovietiche ad identificare figure storiche rilevanti, accanto a numerosi aspetti del patrimonio artistico, con le identità multiculturali nella loro antica dignità ed attuale indipendenza.
Riscoprire cluster di memoria, orientandoli verso il presente, costituisce un articolato processo avviato negli anni’90 e tuttora in atto, mirato al consolida-mento delle attuali identità multiculturali (casi studio Uzbekistan, Azerbaijan).
L’interesse dell’UR CIRPS a seguire i processi socio-antropologici in atto va di pari passo con lo studio delle società multiculturali, dei processi di demoralizzazione, delle migliori pratiche di tolleranza e coesione .
L’effetto del ‘looking in a mirror’ rafforza da ogni lato le possibilità del dialogo culturale in funzione degli attuali assetti, e può aprire nuove progettualità.

Obiettivi:

  • Consolidamento della metodologia degli studi interculturali;
  • Valorizzazione dei processi di memoria e story-telling nella relazione tra culture diverse;
  • Consolidamento della ricerca multidisciplinare;
  • Modellizzazione di schemi di interazione tra linguaggi creativi e scientifici nell’approccio di ricerca;
  • Modellizzazione di schemi di interazione tra linguaggi creativi ed approccio;
  • Storico-filologico nella ricerca;
  • Realizzazione di moduli formativi interdisciplinari multiculturali;
  • Planning di corsi di formazione.

Risultati condivisi

  • Pubblicazione del saggio multidisciplinare ‘La Musica e la Memoria’ ed. Mondadori Electa;
  • Riscoperta e realizzazione di una prima traduzione in lingua italiana e in lingua russa del saggio ‘Vita di Tamerlano il Grande’ di Pietro Perondino (Firenze 1553);
  • Riscoperta e revisione critica della partitura manoscritta del ‘Tamerlano/Bajazet’ di Antonio Vivaldi.
  • Eventi di comunicazione e disseminazione in Italia e in Uzbekistan.

Finanziamenti: MIUR, Ministero della Cultura dell’Uzbekistan.

Archivio progetti

START- Sustainable Art
Collaborazione al progetto CIRPS di arte sostenibile ed integrata al territorio STart per il MACRO di Roma, Roma 2012.

UN MOSAICO PER LA CITTÀ
Progetto e Dossier per la riqualificazione territoriale del Rione Esquilino di Roma, in collaborazione con LUISS Business School, Roma 2011.

EU TEMPUS 4
Progettazione CIRPS finalizzata alla realizzazione di un MASTER ( formazione di operatori nel settore della valorizzazione del patrimonio) in Uzbekistan. Network EU – Uzbekistan (2010).

EU WHYSEE 2000
Partnership CIRPS nel progetto di cooperazione culturale – Transnational Coo-peration Programme SEE – denominato WHYSEE 2000 (2011-12).

EUROPEAID CENTRAL ASIA
Cambiamenti climatici e risorse idriche in Asia Centrale – Network (2016).

Network e forum internazionali

  • Intangible Heritage – Primo Forum Internazionale Maqom a Shakhrisabz Uzbekistan, 2018
  • Sharqtaronalari (Festival Melodie d’Oriente) Scientific Conference, Samarkand Uzbekistan 2007, 2017;
  • Tashkent Conference for Future Generations Improvement, Ministry of Culture Tashkent 2012;
  • Baku Humanitarian Forum on Multiculturalism, Baku 2013;
  • International Conference on Sustainability Science, Sapienza Rome 2010;
  • Toolquiz Conference, EU Project, Parigi 2011;
  • Beni culturali e studi d’impresa, CUEIM Gaeta 2011;
  • Tashkent capitale della cultura islamica, Sapienza Roma 2007;
  • Italy-Uzbekistan Cooperation Workshop, Sapienza Roma 2012;
  • Archeologia e Turismo per uno Sviluppo del Territorio: Sinergie tra l’Italia e l’Uzbekistan, Università Alma Mater, Bologna 2016;
  • Italy-Uzbekistan Tourism Workshop, Hotel La Griffe, Roma 2016.

HERvald expertise

  • Innovazione nella ricerca;
  • Tematiche antropologiche della sostenibilità;
  • Studi ed analisi degli ecosistemi culturali;
  • Servizi funzionali alla implementazione di ecosistemi culturali;
  • Osservatorio multiculturale;
  • Elaborazione euristico-conoscitiva di modelli di integrazione tra i saperi e tra le culture;
  • Ideazione di percorsi di ricerca e formazione multidisciplinare;
  • Ideazione di percorsi di formazione al pensiero creativo.

Progettazione

  • Progettazione e formazione multiculturale: moduli di alta formazione; moduli di disseminazione sul territorio; moduli di comunicazione;
  • Progettazione internazionale nell’ambito dei programmi EU HORIZON 2020, EUROPEAID;
  • Progettazione e management artistico e culturale per istituzioni, fondazioni, organizzazioni, associazioni, orientate all’innovazione nella produzione
    culturale (Auditorium Parco della Musica, Musica per Roma);
  • Progettazione di network istituzionali internazionali;
  • Progettazione e realizzazione di accordi di cooperazione internazionale.

—-

Formazione e gestione

  • Attivazione di unità di alta formazione nell’ambito della attuazione di servizi culturali (patrimonio culturale, formazione multiculturale);
  • Attivazione di workshop territoriali dedicati alla attivazione di progetti di rete;
  • Attività di formazione alla partecipazione.

Programma editoriale

Pubblicazioni recenti:

  • The Roads of Music. Cultural memories, identities and creativity. Agosto 2017 Samarkand, Uzbekistan;
  • Multiculturalism, heritage, nature – Preface to the History of Music of Azerbaijan – in corso di pubblicazione;
  • A dynamic approach to cultural heritage: archeology , tourism and local development in Uzbekistan – Novembre 2016 – Bologna;
  • A cross-cultural approach to heritage enhancing – Marzo 2015 – Baku, Azerbaijan;
  • La musica e la memoria – Narrazioni dell’Asia Centrale nel ‘Tamerlano’ di Antonio Vivaldi – 2011 – Milano (in corso la traduzione in altre lingue).